GREEN PASS: info utili

Dal 15 febbraio il green pass rafforzato (vaccinazione o guarigione) è esteso ai lavoratori pubblici e privati dai 50 anni di età, per l’accesso ai luoghi di lavoro.

Esteso anche l’uso del green pass base (vaccinazione, guarigione o tampone):

  • dal 20 gennaio a chi accede ai servizi alla persona;
  • dal 1° febbraio a chi accede a pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari e altre attività commerciali.
Si ricorda che la Certificazione verde COVID-19 per vaccinazione (prima dose) viene generata automaticamente dalla Piattaforma nazionale DGC dopo 12 giorni dalla somministrazione ed è valida dal 15° giorno dal vaccino fino alla data della seconda dose.
Ogni Certificazione verde COVID-19 per le dosi successive alla prima, verrà rilasciata entro 48 ore dalla somministrazione.
Si invitano i cittadini a verificare la validità del proprio Green Pass ed, eventualmente, a prenotare la prima dose o la dose di rinforzo di vaccino anti covid nel sito www.aulss1.veneto.it 
INFO UTILI:

1. Green pass non valido con dicitura 1/2 (alla voce numero delle dosi)

Si tratta in genere di questi casi:

  • esecuzione di una dose di vaccino 12 mesi dopo un tampone covid positivo: necessario eseguire la seconda dose;
  • esecuzione di una dose di vaccino nei 14 giorni precedenti un tampone covid positivo: necessario eseguire la seconda dose;
  • anomalia informatica (es. mancato collegamento tra positività covid e vaccinazione): inviare mail a greenpass@aulss1.veneto.it con copia dei documenti attestanti positività covid e vaccinazione per la risoluzione dell’anomalia informatica e la generazione di un nuovo green pass

2. Prima dose di vaccino eseguita da meno di due settimane

Il green pass viene generata automaticamente dopo 12 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino ed è valida dal 15° giorno dopo tale dose, fino alla data della seconda dose.

Dopo la seconda dose, in genere entro 24/48 ore, verrà rilasciato un nuovo green valido per 12 mesi.

3. Esecuzione vaccinazione all’estero

Per ottenere il green pass, i cittadini italiani e AIRE, possono inviare una mail a greenpass@aulss1.veneto.it, allegando il certificato di vaccinazione e un documento d’identità.

Per ulteriori casi critici consultare: https://www.dgc.gov.it/web/faq.html


VACCINAZIONI ESEGUITE DA CITTADINI ITALIANI ALL’ESTERO: COME OTTENERE IL GREEN PASS

Per quanto di competenza dell’Ulss Dolomiti, per chiedere al Dipartimento di Prevenzione l’inserimento dei dati necessari al rilascio del Green Pass, l’utente può inviare una mail a

greenpass@aulss1.veneto.it

allegando:

  • la certificazione rilasciata dalla Struttura Sanitaria estera che ha eseguito le vaccinazioni (certificato di vaccinazione) o dal Laboratorio certificato estero ( esito di tampone positivo)
  • copia fronte retro della tessera sanitaria
  • contatto telefonico

 

L’Ulss può inserire i dati (vaccinazioni e tamponi positivi)  ma non ha la possibilità di generare il Green Pass o il codice AUTHCODE necessario per poter scaricare il DGC dal sito dedicato in quanto questa funzione è, in via esclusiva, di competenza Ministeriale.

Per eventuali informazioni è attivo tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00 il call center covid 0437/514343

 

CONTATTI DEL MINISTERO

Il Ministero della Salute, al fine di fornire assistenza ai cittadini in materia di Certificazione Verde e Digital Green Certificate, ha attivato un call center che risponde al numero 800 91 24 91 (attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20) e un indirizzo mail dedicato cittadini@dgc.gov.it.

Coloro che non hanno ricevuto via SMS il codice per l’attivazione (AUTHCODE) possono richiederlo al 1500, numero al quale sarà necessario fornire orientativamente i seguenti dati: codice fiscale, data dell’evento (vaccinazione, tampone negativo, data primo tampone positivo per i guariti), indirizzo mail e numero di cellulare.

Ulteriori approfondimenti sono disponibili al link http://dgc.gov.it/web.

 

INFORMAZIONI GENERALI SUL GREEN PASS

 

Che cos’è la Certificazione verde COVID-19? (Fonte: Regione Veneto )

È una certificazione digitale e stampabile (cartacea) gratuita, che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato. In Italia, viene emessa soltanto attraverso la piattaforma nazionale del Ministero della Salute.

La certificazione attesta una delle seguenti condizioni:

VACCINO: aver effettuato la vaccinazione contro il COVID-19. Sia per chi ha completato il ciclo vaccinale (con due dosi) o ha ricevuto la prima dose o il vaccino monodose da almeno 15 giorni;

GUARIGIONE DA COVID-19: essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi

TAMPONE: essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore

La Certificazione verde COVID-19 / EU digital COVID certificate viene rilasciata dal Ministero della Salute, scopri come fare per ottenerla cliccando QUI

 

Green pass e strutture sanitarie

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta per stare vicino alle persone più fragili e care. Permette di:

  • accedere da parte di accompagnatori, visitatori, familiari per far visita a pazienti non affetti da Covid-19 in residenze sanitarie assistenziali, strutture di ospitalità e di lungodegenza, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti e altre strutture residenziali e socioassistenziali. Le direzioni sanitarie garantiscono la possibilità di visita con cadenza giornaliera da parte di familiari muniti della Certificazione verde COVID-19, consentendo anche di prestare assistenza quotidiana nel caso in cui la persona ospitata sia non autosufficiente;
  • permanere da parte di accompagnatori di pazienti non affetti da Covid-19 nelle sale di aspetto di dipartimenti di emergenza e urgenza, reparti di pronto soccorso, reparti ospedalieri, centri di diagnostica e poliambulatori specialistici.

Consulta la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass “base” e con green pass “rafforzato”. Vai a governo.it: apre una nuova finestra su governo.it

ATTENZIONE
Dal 30 dicembre 2021 al 31 marzo 2022 i visitatori potranno accedere alle strutture residenziali, socio-assistenziali, socio-sanitarie e hospice soltanto muniti di green pass rafforzato e test antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti l’accesso, con esito negativo, oppure vaccinazione con terza dose.

Riferimenti normativi

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI: http://dgc.gov.it/

FAQ

Ultima modifica: